Dopo la spaccatura e le dimissioni tocca a Cecchetti recuperare

L’ingarbuigliata e litigiosa situazione politica a Rho - grosso centro della cintura settentrionale del capoluogo lombardo e storica roccaforte delle sinistre -, situazione che aveva portato allo scioglimento anticipato del Consiglio comunale e alla conseguente caduta del sindaco Roberto Zucchetti, dopo tre anni dall’elezione, si risolverà finalmente al ballottaggio. Di fronte, Pietro Romano, candidato del centrosinistra, che ha ottenuto al primo turno il 38,2% dei voti, con il sostegno di Partito democratico, Italia dei Valori e Sel, e il giovane e quotato Consigliere regionale della Lega Nord Fabrizio Cecchetti, sostenuto in prima battuta dal Carroccio e dalla lista civica Gente di Rho, che potrà ripartire da una significativa quota pari al 26,7% dei suffragi. Il confronto rimane dunque aperto tra i due, che al primo turno avevano costretto al ritiro l’ex assessore del Pdl Carolina Pellegrini, ferma al 24,28%.