Spacciatore arrestato E per gli agenti scoppia l’applauso

Da tempo il marocchino aveva scelto un campo di mais, a pochi metri da alcuni condomini abitati, come base per lo smercio di cocaina. Così quando l’altro sera verso le 21 gli agenti dell’Unità operativa criminalità diffusa della mobile lo hanno arrestato, i residenti sono esplosi in un applauso. In carcere Tabit Mohamed, di 29 anni che da mesi aveva fatto di via Capuana a Rho la centrale dei suoi traffici. Il giovane aveva organizzato così bene i propri affari che tutti i clienti, prima di poterlo raggiungerlo al centro del campo per le contrattazioni, dovevano passare attraverso i complici di guardia all’imboccatura di una strada sterrata. Fingendosi clienti, anche i sette poliziotti hanno dovuto superare la «perquisizione» della vedetta. Molto movimentato l’arresto perché il marocchino di è difeso letteralmente con le unghie e i denti. Addosso aveva 118 grammi di cocaina, 9 di eroina, un bilancino di precisione e 765 euro.