Spacciatore purgato per recuperare le pastiglie ingerite

Un senegalese di 34 anni è stato arrestato dalla polizia in via Dondero, a Cornigliano, dopo avere ingerito cinque grammi di cocaina suddivisa in dodici palline. L’uomo era stato notato dalla volante, mentre spacciava. All’arrivo degli agenti il senegalese ha cercato di nascondersi all’interno di un portone, ma è stato bloccato. A quel punto, l’uomo ha ingerito le dodici pasticche - comunque, alquanto voluminose per transitare velocemente nell’esofago - per non farsi trovare in possesso dello stupefacente.
Ma gli uomini della volante si sono accorti della «manovra» e hanno portato lo spacciatore al pronto soccorso dell’ospedale Galliera per effettuare la Tomografia assiale computerizzata in modo da rivelare senza ombra di dubbio le capsule di droga ingerite. L’esame è risultato positivo e ha evidenziato la presenza dello stupefacente ancora nello stomaco dello spacciatore. Unica possibilità per recuperare la droga, un purgante radicale. Ma al momento di effettuare la purga l’uomo ha dato in escandescenze e ha aggredito sia gli agenti che il personale medico. A quel punto il senegalese è stato sedato e piantonato in ospedale. In attesa dell’evacuazione.