Spaghetti, penne e fusilli a pranzo o cena senza preoccupazione

La celiachia è una malattia autoimmune dell'intestino tenue che causa la distruzione dei villi intestinali; è l'intolleranza permanente al glutine (complesso proteico presente in molti cereali, quali frumento, avena, segale, orzo, farro, kamut); di conseguenza pasta, pane, pizza e derivati sono alimenti severamente vietati per chi soffre di questo problema. Grazie a oltre dieci anni di ricerche, studi e test, Barilla, azienda leader nel settore della pasta in Italia e nel mondo, ha da poco tempo immesso sul mercato della grande distribuzione un prodotto di qualità (certificato dal ministero della Salute) dal prezzo accessibile a tutti: la pasta senza glutine.
Non solo spaghetti, ma anche penne, tortiglioni, fusilli da condire in modo fantasioso o classico per far sì che tutti possano non rinunciare a uno dei simboli della tradizione culinaria italiana. Questa pasta, dal gusto molto simile a quello della pasta di semola, è fatta con mais bianco, mais giallo e riso ed è realizzata in uno stabilimento dedicato esclusivamente alla produzione di alimenti gluten-free. I nutrizionisti raccomandano l'importanza di evidenziare che questi alimenti sono rivolti esclusivamente a persone con patologie diagnosticate legate a intolleranza o allergia al glutine. Per tutti gli altri è utile seguire una regime alimentare bilanciato, una dieta priva di questa proteina non ha alcuna efficacia dimagrante e non apporta benefici.