In Spagna brilla la Luna tricolore

da Milano

Una Luna tricolore brilla in Spagna. Ottima la prestazione della nostra Diana Luna, seconda con 285 colpi (75 72 69 69) all’Open de Espana, dietro alla svedese Emma Zackrisson (281 - 72 67 71 71). Ottima anche la prova di Veronica Zorzi, piazzatasi quinta con 286 (72 68 74 72). La terza italiana impegnata sul percorso del Panoramica G&CC di Castellon, rimasta in gara dopo il taglio, è stata Stefania Croce, classificata 32ª con 294 (72 72 75 75). Il maltempo che nella giornata finale ha costretto anche a una lunga sospensione, non ha fermato la marcia della Zackrisson, che si è limitata a un’azione di contenimento forte del vantaggio di quattro colpi con cui aveva concluso il terzo turno. La Luna, che ha rimontato pazientemente partendo dal 61° posto iniziale per fare tappe intermedie al 34° e al 5°, ha condiviso la posizione con le australiane Nikki Garrett e Joanne Mills, mentre si sono piazzate seste le tedesche Katharina Schallenberg, una neo pro, e Martina Eberl, l’inglese Rebecca Hudson e la norvegese Lill Kristin Saether, che era in seconda posizione dopo 54 buche con la Zorzi e la Mills. La Luna ha girato in 69 colpi con quattro birdie e un bogey. Non hanno invece superato il taglio Sophie Sandolo, Margherita Rigon, Federica Piovano, Anna Rossi e Vittoria Valvassori.
Il trentunenne francese Xavier Lazurowicz ha invece vinto la prima edizione del Golf Rapallo Open, il torneo dell’Alps Tour che ha segnato il debutto internazionale per il Circolo Golf e Tennis Rapallo, ma un splendido Andrea Zanini ha sfiorato la grande impresa mancando la rimonta per un solo colpo.
Giovedì, fino al 27 aprile, torna invece l’International Tessali-Metaponto Open di Puglia e Basilicata al Resort Riva dei Tessali. Il circolo ha abbracciato il nuovo progetto nato dalla collaborazione tra le federazioni italiana, francese, austriaca e svizzera che hanno dato vita da qualche anno all’Alps Tour con l’obiettivo di lanciare i giocatori professionisti più giovani.
La settimana scorsa, invece, Alessandro Tadini ha sbaragliato gli avversari al 32° PGAI Championship che si è disputato sull’impegnativo percorso del Golf Club Margara, a Fubine (Alessandria), per volere del suo attivissimo presidente Roberto Lauro. Il trentaquattrenne professionista di Borgomanero, che aveva già vinto il titolo nel 2002, ha realizzato 269 colpi (68 69 66 66) lasciando a ben sette lunghezze il torinese Emanuele Canonica. Costantino Rocca ha invece concluso al nono posto con 284 (71 70 71 72) e si è dichiarato soddisfatto del suo gioco in relazione ai prossimi impegni del Seniors Tour Europeo.