Spagna: "A te" di Jovanotti è copiata da un cantante madrileno

Secondo un blogger del quotidiano spagnolo &quot;El mundo&quot;, la canzone &quot;A te&quot; sarebbe molto simile a &quot;La primera persona&quot; del cantante Alejandro Sanz, composta nel 2006. Jovanotti: &quot;Nessun plagio, l'ho scritta di getto&quot;<br />

Milano - Italia e Spagna, fratelli coltelli. Troppo simili per andare sempre d'accordo. In questo caso veramente "troppo" simili, quasi identici. Anche nei gusti musicali. In Italia si chiama "tormentone", in Spagna "la cancion del verano" (la canzone dell’estate), ma quest’anno le due cose rischiano di suonare uguali sulle note di un brano che sta facendo sognare i cuori di molti:"A te", primo singolo dell’ultimo album di Jovanotti, "Safari".

Sexo, Drogas y Rock & Blog Un blogger del quotidiano spagnolo El Mundo rilancia il dubbio già emerso a marzo tra i più accorti fan del cantautore: la canzone è un plagio di "A la primera persona" del cantante madrileno Alejandro Sanz? Quico Alsedo, autore del blog "Sexo, drogas y Rock & blog" non ha dubbi. Per lui la condanna è già stata emessa: si stratta di plagio e accusa anche le case discografiche di cercare di vendere a tutti "lo stesso cane con diversi collari".

Melodie simili
Il brano di Jovanotti effettivamente assomiglia molto, nella melodia, a quello del collega spagnolo. Il blogger del Mundo ammette tuttavia di non aver compreso una parola del brano jovanottiano, ma ciò poco importa, sostiene, sempre di plagio si tratta.

Ma il testo di Jovanotti è più bello
Il testo del cantautore italiano, però, dimostra una profondità maggiore rispetto a quello di Sanz, che ripropone un cliché abbastanza consunto: l’uomo lasciato dall’amata che rimane a piangere sul marciapiede tra i vestiti lanciati dalla finestra. Quello di Jovanotti invece è un'ode all’amore. Ma le parole non hanno vinto sulla musica e per quest’anno uno dei "tormentoni italiani", non sarà un caso, non è approdato in Spagna.

La replica di Lorenzo "A te" l'ha scritta "di getto" e "La primera person" è "un'altra storia". E' questa la replica di Jovanotti alle accuse di plagio rivoltegli dalla stampa iberica. "Ho letto quello che ha scritto "El mundo" - afferma il cantante -. Mi avevano segnalato tempo fa questa canzone di Alejandro Sanz dicendo che assomiglia alla mia".

Armonia semplice, forse è di Bach "A te è una canzone che ho scritto di getto, come succede spesso con le canzoni che poi arrivano al cuore della gente, l’ho scritta seguendo un’armonia molto semplice presente in tante canzoni (è un giro armonico che dicono abbia inventato Bach). La musica l’ho fatta con il mio pianista Franco Santarnecchi e la linea melodica nasceva più o meno definitiva già mentre scrivevo le parole". "È una canzone che si basa sulla forza delle parole. Mi dispiace - prosegue l’autore - che qualcuno possa pensare che l’ispirazione melodica di "A te" non sia genuina".

L'ho sentita dopo aver inciso il disco
Ci sono un sacco di melodie che si assomigliano e a volte questa cosa è casuale, a volte può non esserlo: in questo caso specifico io la canzone di Alejandro - tra l’altro bella come un sacco delle sue cose - non l’avevo mai sentita prima di un paio di mesi fa quando qualcuno mi parlò di questa somiglianza, ma il mio disco era già uscito da un bel pezzo. Devo dire -conclude Jovanotti- che quando mi hanno fatto questa segnalazione sono andato ad ascoltare la canzone di Sanz e mi è sembrata proprio un’altra storia".