La spallata della Cdl non sfonda Savona

Tiene, anche se per tre soli voti, la maggioranza di centro sinistra in Provincia di Savona dopo la votazione della mozione di sfiducia nei confronti del Presidente Marco Bertolotto e della giunta provinciale. Una mozione che fino all’ultimo ha tenuto in sospeso la maggioranza, anche se poi si è conclusa con addirittura tre voti di scarto, 13 a 10, perché Eugenio Maineri, consigliere di An, non ha potuto partecipare al voto per seri motivi di salute e a quel punto anche Marco Melgrati, sindaco azzurro di Alassio, ha lasciato l’aula prima di una conta ormai scontata.
Non così certa era comunque la tenuta del centrosinistra prima dell’appuntamento fiume di ieri. La frattura tra lo Sdi e Bertolotto è ormai insanabile e c’era il concreto rischio che anche un altro consigliere del centrosinistra potesse abbandonare i suoi e riportare così i voti in equilibrio se non addirittura ribaltare le posizioni.
«Le motivazioni della mozione di sfiducia presentata dall'opposizione sono di tipo etico, metodologico e di programma - ha dichiarato il capogruppo in consiglio provinciale di Forza Italia Livio Bracco -, riteniamo che questa giunta debba andare a casa in quanto non ha portato avanti alcuna politica vera di interesse per la gente e per il territorio provinciale». E sul merito dei programmi e dei progetti contestati all'amministrazione provinciale: «Questa maggioranza si è presentata in consiglio con tre grandi questioni che di fatto, allo stato attuale, sono ferme o non realizzate - ha aggiunto Bracco -, in primis il nuovo polo scolastico di Albenga, con tanto di polemiche incrociate con la stessa giunta comunale del sindaco di centro sinistra Antonello Tabbò. In secondo luogo il maxi progetto dell'ampliamento degli uffici della Provincia per dare maggiore spazio ai dipendenti dell'ente, con un rinvio al 2010, e infine la questione dell'Auditorium per Savona».
Infine l'interpellanza sull'apertura di un sito personale da parte del Presidente della Provincia, «Speak About», un nuovo blog nato con l'obiettivo di instaurare un dialogo diretto con i cittadini: «Ci risulta che il nuovo spazio interattivo sul sito della Provincia sia utilizzato dal Presidente per parlare del nuovo Partito Democratico e non delle questioni di interesse istituzionale. Se i cittadini hanno bisogno di interloquire con l'ente possono benissimo farlo tramite gli uffici, anche perchè ci risulta che alle domande poste nel blog non risponde direttamente il Presidente ma il suo staff».
Nel suo intervento il Presidente Bertolotto si è difeso rivendicando l'azione della sua giunta, e ha commentato così la mozione di sfiducia: «È stata fatta una mozione di sfiducia gratuita e priva di riferimenti ai problemi concreti in campo economico, sociale ed ambientale. La Provincia - ha proseguito Bertolotto - è parte attiva nelle scelte per lo sviluppo economico, come ad esempio nel rilancio della Saint Gobain, Bombardier, Gavarry, Cantieri Rodriguez, Fac, Piaggio, Ferrania, oltre al ruolo nel risanamento dell'area ex-Acna». Bertolotto ha infine parlato della necessità della maggioranza di riallacciare il rapporto con lo Sdi.