Spalletti: «Non siamo una squadra, ognuno gioca da solo»

Il tecnico giallorosso non si nasconde: «Mi assumo ogni responsabilità, ma il gol di Delvecchio non era regolare»

da Roma

Il silenzio della squadra (da ieri sera con le bocche cucite per decisione della società), il roboante rimprovero dell’amministratore delegato Rosella Sensi. Il dirigente giallorosso è arrabbiatissimo con i giocatori dopo il secondo pareggio consecutivo in casa. «Sono molto amareggiata soprattutto per il pubblico – dice la Sensi -. Avrei voluto vedere la grinta degli ultimi cinque minuti per tutta la partita. I nostri calciatori si devono impegnare di più, perché non hanno ancora vinto niente e devono dare l’anima per questa maglia». Anche se oggi la Sensi potrebbe decidere di mandare la squadra in ritiro, prima della partenza per Udine prevista per domani. Spalletti non cerca alibi per il cattivo momento della squadra. Anzi, ne trova solo uno, il gol di Delvecchio: «Era in fuorigioco quando è partito il cross. A parte questo, devo dire che non ci stiamo comportando da squadra, al primo episodio negativo (in questo caso la rete dell’ex attaccante della Roma, ndr.) ci innervosiamo e ognuno prova a risolvere la situazione da solo. Il ritiro? Rosella Sensi è la proprietà, deciderà lei. Io guardo al fatto che la squadra non riesce a interpretare certe situazioni ed è anche colpa mia. Sono io che devo far accorgere loro di quando iniziamo ad avere dei problemi». Raggiante Delvecchio, nonostante il gol alla sua ex squadra. «È stata una grande emozione ritrovare il pubblico dell’Olimpico, la mia carriera è stata tutta qui. Al gol non ho esultato, non mi sembrava giusto farlo». Dopo il pareggio, l’allenatore dell’Ascoli Tesser resta in sella. «Si lavora sempre sotto pressione, ma io ho la coscienza a posto. La squadra ha fatto un’ottima prestazione e poteva anche fare risultato pieno». E oggi il nuovo acquisto Di Biagio sarà finalmente a sua disposizione.
Intanto a fine novembre dovrebbe nascere una nuova società parallela all’As Roma che si occuperà dello sfruttamento del marchio e di tutte le attività commerciali. La società avrà la gestione del marketing, del merchandising e delle sponsorizzazioni.