Spalletti: «Ritrovare i nerazzurri il nostro obbiettivo»

da Roma

In equilibrio tra presente e futuro. La Roma scruta l’orizzonte a caccia di sogni: da una parte attende l’evolversi della vicenda Sensi-Soros, dall’altra punta dritto alla finale di coppa Italia. «Comunque vada bisogna ringraziare i ragazzi - ricorda Spalletti – perché ciò che abbiamo fatto non lo abbiamo ottenuto per fortuna: c’è chi è stato più fortunato di noi». Il leit-motiv è sempre lo stesso: la lotta-scudetto. «L’Inter è nervosa? Totti ha ragione: i nerazzurri, lo scudetto, ce l’hanno a portata di mano. Ma non molliamo». Già. «Andiamo a Catania per centrare la qualificazione – ricorda - perché giocare la finale all’Olimpico sarebbe il top». Oltretutto ritrovando l’Inter.
Tema formazione. La coppia Juan-Mexes (il francese è squalificato) è out al pari di Ferrari, Doni, Taddei e Totti. De Rossi è alle prese con una fascite plantare e lascerà il posto ad Aquilani. Capitolo futuro. Ieri si è perso un po’ il controllo e si sono sparse un paio di notizie infondate. La prima, riferiva di un incontro tra la Sensi e Tremonti, la seconda dello sbarco in città di George Soros. O meglio dell’arrivo di un omonimo del magnate americano. In attesa dell’assemblea dei soci di Unicredit (azionista al 49% di Italpetroli) in programma questa mattina, Nicastro, deputy Ceo dell’Unicredit Group, ha dichiarato «Siamo sereni rispetto alle voci che circolano sulla possibile vendita della Roma». Una partita a scacchi, dunque, che oggi dovrebbe conoscere il suo giorno decisivo: Unicredit attende una risposta «definitiva» da Rosella Sensi: domani potrebbe essere il giorno chiave. «Non faccio il tifo, ma mi schiero con chi ha dato tanto alla Roma e al calcio italiano». Parola di Gianni Petrucci, presidente del Coni.

CATANIA-ROMA
(ore 21, RaiTre)
CATANIA: 16 Polito, 4 Sottil, 6 Stovini, 22 Alvarez, 20 Gazzola, 17 Baiocco, 8 Edusei, 9 Colucci, 10 Mascara, 11 Pià. All.: Zenga.
ROMA: 1 Curci, 3 Cicinho, 77 Cassetti, 2 Panucci, 15 Antunes, 8 Aquilani, 33 Brighi, 14 Giuly, 20 Perrotta, 22 Tonetto, 9 Vucinic. All.: Spalletti.
Arbitro: Morganti.