Spara e ferisce il segretario del vescovo BetoriA Firenze si scatena la caccia al clochard

Un uomo armato di pistola ha sparato al segretario del vescovo di Firenze, Giuseppe Betori, fortunatamente rimasto illeso. Diversamente è andata per il segretario, Don Paolo, che è rimasto ferito. L'aggressore è riuscito a fuggire

Firenze - Un uomo armato di pistola ha sparato al segretario del vescovo di Firenze, Giuseppe Betori. Il segretario, Don Paolo, è rimasto ferito. Il vescovo è illeso. A quanto si apprende è stato fermato un settantenne in stato confusionale.

Secondo una prima ricostruzione l'uomo avrebbe cercato Betori e poi, quando il portiere ha detto che il presule non c’era, l'uomo avrebbe dato in escandescenze. Ne è nata così una discussione, in mezzo alla quale si è messo il segretario di Betori, don Paolo Brogi. A un certo punto l’uomo ha sparato e ha colpito il segretario di Betori di striscio. Ma ancora non sono chiare le dinamiche dell'accaduto.

Secondo un'altra versione dei fatti, l'uomo sarebbe entrato nella sede vescovile di Firenze, seguendo la macchina del vescovo che rientrava e nel momento di scendere dall’auto avrebbe sparato un colpo di arma da fuoco prendendo all’addome il segretario particolare don Paolo Brogi. Don Paolo è stato ricoverato all’ospedale di Santa Maria Nuova. L’aggressore è fuggito e non è stato ancora rintracciato. L’ipotesi della polizia è che la pistola servisse contro il vescovo. Non è escluso che l’aggressore sia uno squilibrato.