Spara al figlio e al suo amico

È stato arrestato dai carabinieri l’altra notte Giantino Spiga, l’uomo di 43 anni che giovedì sera, a Mazzano Romano, al culmine di una lite aveva sparato con un fucile a pallettoni, al figlio 20enne, Angelo Salvatore, e a un amico del giovane, Andrea Palazzini, di 28 anni, ferendoli entrambi alle gambe, per poi fuggire. I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Bracciano, insieme con i colleghi del reparto territoriale di Ostia e quelli della stazione di Campagnano, lo hanno scovato in campagna alle 3 di notte e arrestato per duplice tentato omicidio e detenzione illegale di arma da fuoco.
Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla procura di Tivoli, non hanno potuto avvalersi della collaborazione dei familiari di Spiga che non hanno fornito elementi nemmeno sui motivi della lite. Secondo quanto ricostruito dai militari, tra padre e figlio, probabilmente per le frequentazioni di quest’ultimo, considerate cattive dal genitore, le liti erano ricorrenti e quello che doveva essere un incontro chiarificatore è sfociato nel ferimento. Il figlio è stato ricoverato nell’ospedale Sant’Andrea. I medici lo hanno giudicato guaribile in 50 giorni. L’amico è in prognosi riservata nello stesso ospedale ma non rischia la vita.