«Sparisce» il pc leghista Caccia ad Arsenio Lupin

Nemmeno Arsenio Lupin sarebbe potuto essere più abile. Il furto (con destrezza) è andato in scena nella sede del Consiglio regionale del Piemonte, dove a un esponente della Lega Nord, Paolo Tiramani, è stato portato via il computer: «Che ti succeda proprio qui – afferma, sconsolato - è surreale. Ho sporto denuncia, spero che salti fuori». Ma chi può aver avuto l’ardire? «Tengo a precisare che non voglio accusare nessuno, specialmente dei colleghi – precisa Tiramani - in passato ad un collega è stato rubato l’iPhone e si scoprì che il colpevole era un addetto alle pulizie. Nel pc, per fortuna, non c’era nessun segreto di Stato, ma spero di tornarne in possesso». Come diceva Kierkegaard, la speranza è un astuto traditore.