A Tripoli spariscono le statue dell'occupazione italiana

Le opere del periodo fascista scompaiono dai parchi e dalle strade della capitale. Intanto il paese precipita nel caos

La rimozione della statua dei leoni a Tripoli (libyaherald.com)

Spariscono le statue. Spariscono le testimonianze della dominazione italiana. La Libia, sull'orlo del precipizio, deve fare i conti con l'avanzata degli islamisti. Dunque è scomparsa nel nulla una scultura che si trovava in un parco di Tripoli e risaliva all'epoca dell'occupazione italiana. L'opera, in bronzo, raffigura la lotta fra due leoni.

E ora ci si chiede che cosa sia successo. "La statua - risponde sibillino uno dei responsabili del dipartimento di archeologia, Mustafa Turjam al LIbya Herald - non è stata rubata ma rimossa per salvaguardarla in un posto sicuro. Questo è un passo positivo per preservare il patrimonio della capitale".

Sarà, ma la spiegazione convince fino a un certo punto. L'impressione è che il paese stia precipitando nel caos più assoluto e che non si sia più in grado di arginare la furia iconoclasta degli estremisti di matrice islamica che predicano il califfato e guardano con odio a tutto ciò che viene dall'Occidente.

Nelle scorse settimane erano sparite una statua dell'eroe della resistenza anti-italiana Omar al Mukhtar e un'altra raffigurante una donna nuda e una gazzella, opera più volte minacciata dagli estremisti. Il Dipartimento delle Antichità non sa che fine abbiano fatto i due pezzi.

Commenti

simone64

Mer, 03/12/2014 - 17:59

Ecchissenefrega !!!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 03/12/2014 - 18:43

Capolavoro di politica estera usa, con il negro e la sua cricca registi.

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 03/12/2014 - 18:44

Omar al Mukhtar e' presente nel forum ve lo rispediamo in libia per corriere

Aleramo

Mer, 03/12/2014 - 22:00

Perché dovremmo fregarcene? Perché ciò accade dall'altra parte del Mediterraneo? Perché ciò riguarda il passato coloniale dell'Italia? Perché probabilmente è colpa dei fanatici musulmani? In realtà per tutti questi motivi dovremmo invece preoccuparci molto e ringraziare il Giornale per avere dato la notizia. Le sculture italiane degli anni '20-'40 sono in genere molto belle, e la memoria della colonizzazione italiana in Africa deve essere mantenuta. Ricordo che in Francia è stata promulgata una legge che vieta di criticare il passato coloniale di quella Nazione. Dovremmo prendere esempio. Personalmente spero che questa e altre statue vengano presto esposte nuovamente dove devono esserlo, cioè in Libia.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 03/12/2014 - 22:30

Le hanno fatte sparire. per farne un regalo per le prossime dimissioni di Napolitano.

eolo121

Mer, 03/12/2014 - 22:47

mare mostrummmm

eolo121

Mer, 03/12/2014 - 22:47

mare mostrummmm

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 03/12/2014 - 22:50

Era ora. Le hanno sopportate fin troppo!

mila

Gio, 04/12/2014 - 05:11

E' logico. Il periodo coloniale non e' odiato da tutti gli Africani?

Casaitaliana

Gio, 04/12/2014 - 07:24

io farei sparire tutte quelle personi furbe e intelligenti che hanno fatto si che la libya diventasse cosi ...... solo per interessi personali .....

paco51

Gio, 04/12/2014 - 08:30

E' normale, a casa loro fanno quello che vogliono! Noi non siamo stati capaci di conservarci la Libia e l'abbiamo presa male con gravi errori.!

Solist

Gio, 04/12/2014 - 09:09

e pensare che il buon silvio aveva sottoscritto commesse per miliardi......

linoalo1

Gio, 04/12/2014 - 09:22

Se fosse,come qualcuno dice,un vecchio odio contro gli Italiani,le statue sarebbero sparite già da anni! Questo,mi sembra invece una rivalsa contro l'Europa e contro chi non ha difeso Gheddafi!Ossia,contro chi ha contribuito a creare la loro attuale situazione,perchè,dicono loro,se ci fosse Gheddafi,tutto sarebbe rimasto tranquillo!Ma,dicono loro,il Petrolio inebria al punto da creare queste situazioni un po' in tutto il Mondo!Lino.

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Gio, 04/12/2014 - 09:53

Però la Via Balbia e tutto il resto che abbiamo costruito per loro se lo tengono. (PS: nell'articolo è ricordato un certo Omar al Mukhtar "eroe della resistenza anti-italiana"; qui sopra c'è un quasi omonimo, altro eroe, si direbbe, di quel tipo).

Solist

Gio, 04/12/2014 - 18:22

rapax mi spiace deluderti ma questi da noi e occidente in generale ci stanno troppo bene, una volta entrati non li schioda piu nessuno a meno che non nasca un nuovo hitler! invece che guerre sante bellavita, lusso, tecnologia occidentale e dulcis in fundo mignotte e trans per festeggiare il traguardo