A spasso tra la storia e i paesaggi di Corot

Si passeggia per Verona tra l'armonia e i richiami di epoche lontane, seguendo l'invito a un viaggio nel tempo che riporta indietro di duemila anni, tra monumenti imponenti come l'Arena e il Ponte della Pietra che ancora celebrano la grandezza dell'Impero Romano. La mura della città racchiudono un tesoro di arte, storia e cultura raccontato da edifici medioevali e da grandiosi palazzi rinascimentali. Ed è un solenne edificio, il Palazzo della Gran Guardia, a ospitare fino al 7 marzo la mostra «Corot e l'arte moderna. Souvenirs et Impressions»: un centinaio di dipinti per abbracciare quattro secoli, dai grandi paesaggisti europei del Seicento alle creazioni di artisti come Monet, Renoir, Cézanne, Braque e Picasso, in uno spettacolare confronto tra le opere di Corot, che Baudelaire nel 1845 definì «il più grande paesaggista francese vivente», e quelle degli artisti a cui si è ispirato o che ha influenzato. Pacchetti week-end a partire da 168 euro per due persone, comprensivi anche di biglietti per le mostre «Corot e l'arte moderna» e «La terra vivente», ingresso al Museo di Castelveccho e menu degustazione in una delle tradizionali enoteche del centro storico. www.veronatuttintorno.it, tel.045.8009461.