La specie «colta» giunta dall’Africa

L’Homo Sapiens Sapiens arriva in Europa fra il 40.000 e il 35.000 avanti Cristo (nel cosiddetto Paleolitico superiore): ma la sua comparsa risale al 200.000 a. C., quando iniziò a popolare l’Africa. Dal continente africano, la specie Sapiens Sapiens risale lungo il Medio oriente, la Turchia, quindi i Balcani, fino all’Europa orientale, dove si insedia inizialmente. Le sue capacità cognitive, la sua cultura e la sua tecnologia sono decisamente più raffinate rispetto all’uomo di Neanderthal: lo rivelano soprattutto la precisione e la varietà di utensili realizzati e utilizzati per la caccia. Morfologicamente, appariva più alto, slanciato, e «dolicocefalo», cioè con il cranio più lungo che largo. Spinge i neanderthaliani sempre più a occidente: gli ultimi arriveranno a Gibilterra.