Spende troppo per la badante Ucciso dal figlio

Ingenti somme di denaro prelevate in banca in pochi mesi, da quando in via Balbi 16 a Ospedaletto Lodigiano, in casa di Carletto Scacchi, novantatreenne ex fotografo pieno di voglia di vivere, era arrivata la badane romena. Il suo unico figlio, Andrea Scacchi, 59 anni, operaio, si era accorto di tutti gli ammanchi. Giovedì mattina una gran litigata e la nuora caccia la badante. Ieri mattina Andrea, cacciatore come il padre, ammazza Carletto mentre è sdraiato sul divano con un colpo di fucile alla testa. Fugge nel pavese ma viene trovato dai carabinieri. La confessione e poi l’arresto per omicidio aggravato. Sessantamila euro in contanti sono spariti dal conto di Carletto in 10 mesi. La badante Osima Mihali, 49 anni, che tutti qui chiamavano Maria, viveva con lui da un anno. Con lei, Scacchi si era recato in Romania dallo scorso 15 ottobre al 6 novembre e vi sarebbe tornato giovedì per sposarla in terze nozze. «I soldi mancanti? Dovevamo pranzare e cenare - ha commentato la badante - e la vita è cara. E a volte c’erano anche dei regali per me». Il figlio sentenzia: è circonvenzione.