Spending review, i sindacatisono già sul piede di guerra

I tagli agli statali preoccupano i sindacati. Bonanni: "Pronti anche alo sciopero generale". Sulla stessa linea anche la Camusso e Angeletti

I sindacati sono sul piede di guerra. Sui tagli al pubblico impiego non intendono proprio mollare. Si preannuncia agitato l’incontro che domani vedrà confrontarsi a Palazzo Chigi esecutivo e sindacati. "Come è successo in passato si dà la sensazione che si fanno interventi per poi procurare più danni di quelli di prima" dice a Tgcom 24 il leader Cisl, Raffaele Bonanni secondo cui "quello che serve è un vero e proprio piano industriale per il pubblico impiego". "Faremo quello che serve - prosegue Bonanni - fino ad arrivare, se serve, a uno sciopero generale". Parole raccolte anche dal segretario della Uil, Luigi Angeletti, e da quello dell’Ugl, Giovanni Centrella. Susanna Camusso rincara la dose: "Basta chiedere sforzi agli statali che hanno già compiuto sacrifici con il blocco per tre anni dei contratti e comunque di tagli lineari non se ne parla". "Il punto - spiega il segretario generale della Cgil in un'intervista al Mattino - è che pensare a un’operazione sugli organici della Pa significherebbe immaginare una riduzione dei servizi, senza dimenticare che soprattutto nel Mezzogiorno il pubblico funge anche da ammortizzatore sociale".

Commenti

solomauro

Lun, 02/07/2012 - 21:02

Per quanto riguarda i dirigenti, bisognerebbe tagliarne di più. E soprattutto, rimuoverli e abbassargli gli stipendi.

Ritratto di lectiones

lectiones

Lun, 02/07/2012 - 22:37

Quis custo0diet ipsos custodes?

maumen

Lun, 02/07/2012 - 22:45

Il Governo sembra che stia per intervenire finalmente sui Dirigenti pubblici pero' la riduzione proposta di 1 su 5 e' ben poca cosa, la solita fregatura per tutelare una casta di privilegiati e protetti assolutamente inutili quanto a numero e in gran parte incapaci quanto a capacita' manageriali.

alessandro bettoni

Mar, 03/07/2012 - 00:42

Questo non è uno sciopero generale. Chiamalo col suo nome Bonanni. Sciopero degli statali per mantenere i privilegi. E voi per mantenere i voti. Bonanni spiega a tutti noi come mai il 35% dei giovani è senza lavoro, disoccupati.

ninito

Mar, 03/07/2012 - 05:23

Finalmente qualcuno metterà a posto gli statali e li farà lavorare. Signori del sindacato, state zitti , come siete stati zitti quando ci hanno fregato a noi lavoratori di senconda categoria, visto che non siamo statali.

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mar, 03/07/2012 - 06:50

Ecco il commento della camusso sintetizza i due mali del mercato del lavoro italiano: i sindacati e l'esercito di statali al difuori di ogni logica di mercato... Addaveni' Thatcher!

claudiocodecasa

Mar, 03/07/2012 - 14:51

quello che dice l'invasata della camusso è calcolato al millimetro, quindi difendono il loro gregge che porta voti sicuri e quindi soldi