Speranze private per il Planetario

La riqualificazione del Planetario ha tenuto banco ieri alla presentazione di «Milano scienza Milano mondo». Finazzer Flory ha dichiarato di aver «inserito nel piano tecnico delle opere per i prossimi due anni 11 milioni e 230 mila euro, sebbene soltanto il proiettore costi 3.4 milioni ripararlo e 8 acquistarlo nuovo. Confido nei sostegni privati: uno sponsor tecnico mette a disposizione una quota, l’amministrazione un’altra, con il vantaggio, per il primo, di avere uno spazio all’interno del Planetario, qualcosa a suo nome». Si spera in un intervento, in quanto la situazione del Planetario, ha dichiarato Giorello ieri, è «tecnicamente una vergogna. Una colpevole cancellazione delle nostre tradizioni».