«Spero di fare un gol più del premier»

Fini: «Siamo tre punte, mi auguro di segnare più di Prodi e magari anche di Berlusconi»

Prima di ripartire per Roma, causa nevicata che rischiava di bloccare lo scalo di Linate, Gianfranco Fini ha inaugurato ieri mattina il nuovo «Punto An» in corso Buenos Aires 8. Uno spazio in cui la gente troverà materiale informativo sulla campagna elettorale di Alleanza nazionale per le Politiche 2006 e che, probabilmente, si trasformerà poi in uno spazio pro-Letizia Moratti in vista del voto amministrativo. Approfittando della presenza del vice-presidente del Consiglio in Fiera per la Conferenza sull’Export, la Federazione milanese di An ha fatto inaugurare il nuovo «punto» al proprio presidente nazionale, accompagnato per l’occasione dai vertici locali del partito (la coordinatrice lombarda Cristiana Muscardini, il vice coordinatore Carlo Borsani), parlamentari (Ignazio La Russa), europarlamentari (Romano La Russa), esponenti regionali (il capogruppo Roberto Alboni), comunali (l’assessore Giovanni Bozzetti) e provinciali (la capogruppo Paola Frassinetti), e dal portavoce del partito, Andrea Ronchi. Fini ha parlato del prossimo appuntamento elettorale. «Visto che la Cdl scenderà in campo con le tre punte, mi auguro di segnare sicuramente più gol di Prodi, ma se possibile di fare una rete in più pure del nostro leader Silvio Berlusconi», che significherebbe conquistare automaticamente la poltrona di primo ministro in caso di riconquista di Palazzo Chigi da parte del centrodestra. E la consigliera regionale Silvia Ferretto ha ricordato che sono stati finora 35mila i cittadini lombardi che hanno firmato il disegno di legge Fini contro la droga.