La spesa in vestiti scenderà di un terzo dallo scorso anno

Sarà una stagione di saldi «molto fredda», all’insegna di una maggiore cautela e prudenza da parte delle famiglie. La spesa per saldi si attesterà intorno al 30% in meno. È questa la stima dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori alla luce dell’andamento delle vendite natalizie. Malgrado molte famiglie, spiegano i consumatori, «a causa della profonda crisi economica, abbiano rinviato gli acquisti al periodo dei saldi, questi ultimi subiranno un vero e proprio collasso». Secondo Federconsumatori la spesa per ogni famiglia sarà di 317 euro, pari a 122 euro pro capite. La raccomandazione più importante che l’associazione rivolge ai consumatori che, comunque, si apprestano ad effettuare i propri acquisti in saldo è «di verificare oggi, prima della partenza dei saldi, il prezzo pieno del prodotto che si intende comperare, se possibile, anche fotografandolo con il telefono cellulare per avere una testimonianza certa. Solo in questo modo sarà possibile valutarne la reale convenienza».
Ecco alcuni preziosi consigli di Adusbef e Federconsumatori per orientarsi negli acquisti in saldo: non fermatevi mai davanti alla prima vetrina, girate più negozi, confrontate i prezzi e, in ogni caso, orientatevi verso beni o prodotti che vi servono veramente; diffidate dalle vetrine tappezzate dai manifesti (che non vi consentono di vedere la merce) o che reclamizzano sconti eccessivi, pari o superiori al 60%. I commercianti in possesso del POS hanno l’obbligo di accettare il pagamento con carte di credito o bancomat.