Spese extra di Confcommercio: Ricucci e Billè verso il processo

Sotto inchiesta gli appalti dell’Enasarco e la scalata Rcs

da Roma

L’ex presidente di Confcommercio Sergio Billè, l’ex presidente di Enasarco Donato Porreca, l’immobiliarista Stefano Ricucci. Ci sono i loro nomi in testa alla lista di 16 persone per cui la Procura di Roma chiede il rinvio a giudizio al termine delle indagini sulle spese extrabilancio di Confcommerfcio, sugli appalti Enasarco e sulla scalata Rcs. I reati contestati sono molteplici e vanno dall’appropriazione indebita alla corruzione aggravata, dall’aggiotaggio informativo all’emissione di fatture false. Le richieste riguardano anche due società: la Magiste International e la Garlsson Real Estate. Sempre ieri, Ricucci è stato interrogato nell’inchiesta sull’uso illecito della villa che la Magiste possiede all’Argentario. In questa vicenda, l’immobiliarista, interdetto da cariche societarie, ha commentato: «La magistratura fa il suo lavoro, noi il nostro e ci difendiamo».