Spettacoli, sport, shopping Ad Albano tutti nottambuli

La Notte bianca fa scuola: stasera ai Castelli e a Latina

Emanuele Romaggioli

È la rivincita dei nottambuli dei Castelli Romani. Quell’esercito di buontemponi che il sabato sera amano fare bisboccia fino all’alba. E che solitamente sono costretti a «espatriare» nelle piazze e nei locali della capitale. Un’ortodossia del divertimento che, ogni tanto, può essere anche infranta. Soprattutto quando ai Castelli Romani sbarca la «Notte Bianca», di scena da oggi pomeriggio fino all’alba nel centro storico di Albano. Una manna dal cielo per tutti gli «evergreen» della notte, che potranno assistere a spettacoli musicali, cabaret, iniziative sociali e tour archeologici. Una degna continuazione dell’anteprima «Aspettando la Notte Bianca», che ha interessato la città nelle giornate di giovedì e venerdì.
E dopo l’«aperitivo» è arrivato il momento dell’abbuffata notturna. L’ora della kermesse, che vedrà il suo vernissage alle 19, quando Albano sarà contagiata dal virus della «Notte Bianca». Una manifestazione dalla geografia sempre più articolata. «Albano vivrà una notte magica - dichiara il Sindaco Marco Mattei - un’iniziativa curata nei minimi dettagli. Ci sarà l’apertura straordinaria dei negozi e, soprattutto, una vasta serie di eventi, rivolti a tutti e completamente gratuiti. A conferma del ruolo di Albano come polo di attrazione di arte e cultura».
Piuttosto eterogeneo il calendario della manifestazione, in grado di soddisfare un ampio tasso di esigenze ludiche e culturali. Si va dal concerto di Marcello Cirillo al Derby del Cuore (una partita che vedrà di fronte i rappresentati del Csm e la Nazionale giornalisti Rai), dalla pittura agli spettacoli per bambini, dagli artisti di strada ai concerti rock. Per non parlare, poi, dell’itinerario archeologico che attraverserà l’intero plesso monumentale di Albano: i Cisternoni Romani, (tuttora funzionanti), l’Anfiteatro Severiano, le Catacombe di San Senatore, le Terme di Cellomaio, Porta Pretoria, la Chiesa della Rotonda (sorta su un ninfeo di Domiziano), il Museo Civico e tanto altro ancora. Un circuito archeologico davvero unico nell’area dei Castelli Romani. E in attesa di essere «degustato», stasera, come un vino d’annata.
E oggi sarà Notte bianca anche a Latina. L’evento era inizialmente previsto per venerdì scorso ma poi rinviato per il lutto cittadino proclamato a seguito dell’esplosione avvenuta nella caserma dei carabinieri nella quale ha perso la vita l’appuntato Alberto Andreoli. L’iniziativa sarà sostanzialmente invariata nei contenuti - spazio bambini, musica, teatro, poesia, danza in tutto il centro storico - e nella logistica. Un solo cambiamento nel programma: in piazza del Popolo si esibirà l’orchestra del maestro Gianni Mazza e non il complesso irlandese inizialmente previsto.