50 Cent, sex tape per vendetta: deve pagare 5 milioni di dollari

50 Cent condannato al pagamento di 5 milioni di dollari per aver diffuso il sex tape della moglie di Rick Ross, colpevole di un'occhiata di troppo

Una lunghissima battaglia giudiziaria che si è conclusa solo oggi: 50 Cent è stato condannato a pagare 5 milioni di dollari per risarcire Lavonia Leviston, moglie di Rick Ross, che nel 2009 fu umiliata dal rapper con la pubblicazione di un suo sex tape denigratorio. La vicenda parte proprio dai due uomini: ai BET Awards del 2009, Ross - anch'egli noto rapper statunitense - accusò 50 Cent di un'occhiata non esattamente simpatica. A questa frase - all'apparenza nemmeno particolarmente violenta o ingiuriosa - il rapper si vendicò pubblicando online un video porno in cui la moglie, Lavonia Leviston, consumava un rapporto sessuale con il suo ex compagno Maurice Murray. Come se non bastasse, 50 Cent durante il filmato insultava la donna, interrompendo le offese solo per trasmettere alcuni spezzoni dei suoi brani.

Una vendetta decisamente gratuita che oggi, a sei anni di distanza, costa carissima a 50 Cent. Il tribunale ha condannato il cantante al pagamento della cifra di cinque milioni di dollari, circa quattro milioni e mezzo di euro, suddivisi in due parti: la prima per violazione dei diritti civili e per l'utilizzo dell'immagine di una terza persona senza il suo consenso; l'altra per il trauma psicologico subito dalla donna. Al momento della sentenza Lavonia Leviston, presente in aula, sarebbe scoppiata in lacrime.