Abba-mania, apre il museo e si scommette sul ritorno

«Abba: il ritorno». Per ora è solo un'indiscrezione, ma la notizia che il gruppo musicale pop svedese, nato nel 1970 e e scioltosi nel 1982, possa tornare sulla scena della musica mondiale, inizia a farsi strada. In questi giorni, infatti, campeggia la campagna pubblicitaria The Dancing Queen of Abba is back! ma l'unica notizia certa è che l'unica a tornare sulle scene nel 2013 sarà la bionda del gruppo, Agnetha Fältskog. I bookmaker, però, hanno deciso di «rischiare» in lavagna scommettendo addirittura su un nuovo album degli Abba entro la fine del 2015, che si gioca a 11. Il più grande gruppo musicale scandinavo presente al concerto di Glastonbury entro la fine del 2015 è invece offerto a 13 mentre un «reunion concert» nel 2013 è bancato a 15. Gli Abba che inaugurano l'Eurovision Show a Malmo si giocano a 17 mentre l'annuncio di un tour mondiale sempre nel 2013 è offerto a 21. Che tutti i fan degli Abba si segnino in agenda questa data: il 7 Maggio apre ufficialmente a Stoccolma «Abba - The Museum», il museo ufficiale dedicato alla band svedese. Il museo sugli Abba sarà strutturato come mostra permanente, parte della creazione di un più grande museo della Swedish Hall of Fame della musica; sono stati previsti 2000 metri quadri di superficie espositoria a Djurgården, un'isola dell'arcipelago su cui è nata Stoccolma, ad est della città, già area museale semiufficiale della capitale svedese grazie alla presenza di moltissimi spazi espositivi come il Museo Vasa (con il celebre galeone ripescato dai mari dopo l'inabissamento del 1628) e Skansen, uno dei più grandi musei all'aperto d'Europa.
Una buona parte del complesso espositivo in apertura il 7 Maggio sarà dedicata proprio alla band svedese e prevederà un'interattività assoluta con i filmati, le registrazioni e i costumi: oltre agli abiti di scena della band, gli oggetti, i filmati dei concerti, le interviste, si potrà pure cantare e ballare in una cabina speciale che proietta gli ologrammi degli Abba. Il divertimento starà proprio nell'indossare un costume digitale a scelta tra i tanti outfit anni 70 della band e registrare la performance del balletto virtuale. Ciò sarà possibile grazie allo speciale biglietto di ingresso, che registra un Id virtuale sul sito del museo nel quale sarà possibile caricare i contenuti della propria «esibizione» e poi condividerli su Facebook e i vari social network.
Nel resto dell'edificio, su una superficie complessiva di circa 5000 metri quadri totali, si svilupperanno due filoni tematici, divisi tra la storia della Swedish Popular Music e la Hall of Fame vera e propria, della quale gli ABBA fanno naturalmente parte come capostipiti della gloria musicale nazionale. RS