Alessandro Calabrese contro l'Isola dei Famosi 2016

Alessandro Calabrese del Grande Fratello 14 accusa pubblico e critica per non usare la stessa misura nei confronti dei concorrenti dell'Isola dei Famosi 2016

All'Isola dei Famosi 2016, come ogni anno, le privazioni spingono i partecipanti a esternare la propria sofferenza. C'è chi lo fa con le lacrime e il pubblico - oltre che la critica - finisce per essere empatico con il concorrente in questione, pur magari non tifandolo espressamente. Una situazione, quest'ultima, a quanto pare non gradita da un recente rappresentante dei reality.

Si tratta di Alessandro Calabrese, finalista nel Grande Fratello 14, che ha esternato su Instagram la propria posizione: sentitosi attaccato per le sue lacrime a fronte di una situazione sentimentale complessa nella casa di Cinecittà, ha scritto di non comprendere perché i concorrenti dell'Isola non siano criticati aspramente come lo è stato lui.

"Come mai all’Isola - ha scritto il romano - alla prima settimana, alla prima pressione piangono tutti e nessuno dice niente? A me hanno messo pressioni 12 puntate su 12, ho pianto dopo un mese e mi hanno massacrato per prima i "critici" e poi, di conseguenza, il pubblico... mah, cose strane". Ma questa esternazione ha provocato ulteriori critiche ai danni di Alessandro Calabrese.

"Non credo di aver mai visto una persona che può solo ringraziare il modo in cui è stato trattato quanto te - ha risposto il collega finalista al GF Domenico Manfredi - Nessuno di noi ha mai avuto un opinionista "personale", a differenza tua, così come tutti noi siamo arrivati in fondo grazie al televoto (i personaggi in un reality dovrebbero essere scelti dal pubblico), a differenza tua che hai beneficiato di un particolare gioco per arrivare in finale. Non è colpa di nessuno, se qualcuno è piaciuto al pubblico più di noi, dobbiamo solo accettare il risultato che deriva dalle nostre azioni".

Il riferimento all'opinionista "personale" va a Claudio Amendola, che durante il reality di Canale 5 ha spesso "duettato" con Alessandro in siparietti relativi in particolare alla loro squadra del cuore, la Roma. Il romano ha pubblicato un altro status in cui afferma di non essere stato aiutato da Amendola, in cui spiega che il precedente assunto non era un invito a criticare i concorrenti dell'Isola, bensì a comprendere chiunque stia affrontando una situazione che inerisce la sofferenza.