Alitalia, caos su volo Lamezia-Roma. Ci pensa Pupo a placare gli animi

Il cantante toscano, che si trovava su quel volo poiché reduce da un concerto in Calabria della sera prima, ha utilizzato il microfono degli assistenti di volo

Momenti di forte tensione quelli che si sono registrati sul volo Alitalia Lamezia-Roma; un disguido circa l'assegnazione dei posti che ha fatto infuriare non poco i numerosi passeggeri francesi presenti su quel volo, reduci da una vacanza a Pizzo Calabro. I transalpini hanno protestato vibratamente perché il ritardo di circa un'ora ha fatto perder loro le rispettive coincidenze.

Su quel volo però era presente anche Pupo, che la sera prima aveva tenuto un concerto in Calabria e che stava rientrando nella Capitale. Così un'assistente di volo, visto che la furia dei passeggeri non accennava a placarsi, ha chiesto aiuto al noto cantante toscano sperando che potesse far qualcosa.

L'artista non si è fatto pregare e, impossessatosi del microfono che le hostess usano solitamente per gli annunci, ha dato il via ad un simpatico siparietto: dapprima chiedendo scusa e spiegando che si trattava di un disguido che a lui non era mai accaduto in 45 anni di voli Alitalia e poi, complice l'aiuto della compagna francese Patricia, si è cimentato in una serie di battute.

Alla fine la tentazione di cantare è stata troppo forte, così Pupo ha regalato il suo noto tormentone "Su di noi" ai passeggeri i quali alla fine si sono calmati al punto da regalare anche un sentito applauso.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 02/09/2018 - 19:29

Cosi ora l'Alitalia dovra pagare il CACHET al cantante, ed i diritti alla SIAE!!!!lol lol.

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Dom, 02/09/2018 - 19:31

Azz........PUPO fa pure concerti.......!?!?!?!? Roba da matti.......

GrifoXV

Dom, 02/09/2018 - 20:31

Ancora non riesco a spiegarmi come fa un membro di equipaggio a chiedere l'aiuto di un passeggero, e soprattutto a fargli usare un equipaggiamento di bordo, per risolvere un problema operativo. Cio' sempre ammettendo che i fatti siano andati come descritto. Se fosse vero questa sarebbe una Compagnia di coiddetta Bandiera? La Sora Lella avrebbe detto "Annamo Bbene... proprio bbene!". L'uso dello stesso sistema da parte di (almeno) un passeggero sembra che ci sia stato anche sul volo degli amici del pagliaccio tatuato. Ma l'ENAC non ha niente da dire al riguardo?