Arrivano anche i domini ".porn". Taylor Swift si è comprata il suo

La cantante deve avere pensato che era meglio acquistarlo prima che ci pensasse qualcun altro

".it", ".com", ".org". E tutti gli altri. Sono numerosissimi i domini con cui un sito può essere registrato, da quelli che ne indicano la nazione, a quelli che invece danno conto più che altro del contenuto, come i ".gov". Quelli, per intenderci, con cui per esempio è registrato il sito della Casa Bianca.

Se già le possibilità erano molte, ne arriveranno molte altre. Tra queste alcune sono decisamente innocue, mentre altre (".adult" e ".porn") indicano chiaramente un contenuto destinato soltanto ai maggiorenni. Una possibilità contro cui qualcuno ha già deciso di cautelarsi.

Ci ha pensato, per dirne una, Taylor Swift, che ha preferito comprarsi in anticipo i "suoi" siti per adulti, per evitare che lo facesse qualcun altro e che su quei siti ci finisse materiale che poteva esserle attribuito. Nei prossimi anni arriveranno molti altri domini, da quelli per la musica, a quelli per i blog, a quelli pensati espressamente per alberghi e strutture per turisti. Quelli per il mondo del porno saranno acquistabili da giugno.

Commenti
Ritratto di paolaverdi

paolaverdi

Ven, 31/07/2015 - 08:03

Cosa vuoi il cantante dolce e un dominio?