Le basiliche papali come mai viste prima

Immagini in 3D, riprese aeree e opere mostrate nei più piccoli dettagli

Laura Rio

Rapiti dalla bellezza. Inebriati dalle forme, dai colori, dalla grandiosità. Si resta estasiati ad ammirare le basiliche papali di Roma e i tesori che racchiudono. San Pietro, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo Fuori le Mura. Per chi non le avesse mai viste, ma soprattutto per chi ne vuole scoprire particolari e punti di vista diversi, Sky ha realizzato un docu-film che le mostra in 3D. Sarà nei cinema solo tre giorni: l'11, 12, 13 aprile, in 250 sale di 50 paesi, e poi in onda sui tre canali Sky 3D, Arte e Cinema. Il progetto arriva dopo il successo di Musei Vaticani 3D e degli Uffizi 3D e sono già molte le prenotazioni per assistere alle proiezioni, soprattutto da parte delle scolaresche. Il film è stato realizzato in collaborazione con il Centro televisivo vaticano, Nexo Digital e Magnitudo Film, in occasione del Giubileo. Un viaggio che si snoda dalle origini paleocristiane fino al barocco con l'aiuto di quattro esperti: il direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci fa da guida all'interno di San Pietro, l'architetto Paolo Portoghesi si occupa di San Giovanni in Laterano, lo storico dell'arte Claudio Strinati svela Santa Maria Maggiore e il direttore della collezione d'arte contemporanea dei Musei Vaticani Micol Forti presenta San Paolo Fuori le Mura. Non solo lezioni d'arte, ma anche racconti di storie e leggende della Chiesa. Per realizzare un documentario di novanta minuti che tenga desta l'attenzione, ci vogliono anche ingredienti appassionanti: e così una sapiente e suggestiva scelta delle musiche (alcune suonate in esclusiva per il film) e la voce narrante di Adriano Giannini (che legge alcuni brani di Passeggiate romane di Stendhal) conferiscono al film un passo più leggero. A cui si aggiunge la potenza del 3D, che dà allo spettatore l'impressione di essere realmente davanti alle opere d'arte. E anche più vicino che dal vivo. Come per la Pietà di Michelangelo (in San Pietro è schermata da una teca trasparente) di cui vengono mostrati anche i dettagli più nascosti e mostrati da vicino il volto e il corpo di Cristo e della Madonna. Infine la visione aerea: le riprese in elicottero mostreranno le basiliche da una prospettiva spettacolare.