Basta aiuti di Stato al cinema

La bolletta del cinema francese è sempre più salata per i contribuenti, mentre le sale sono sempre più vuote e i film più scadenti. È il bilancio che emerge da un rapporto della Corte dei conti transalpina, reso noto dal Journal du Dimanche. Da quanto risulta dal testo ufficiale lo «sforzo pubblico» per il settore dell'audiovisivo ammonta nel 2012 a 1,6 miliardi di euro, di cui 600 milioni per il cinema. Il dato si scontra con i risultati al botteghino. Se la produzione francese resta tra le più ricche d'Europa, il numero di biglietti staccati è in costante calo. Il 2013 è stato un anno particolarmente nero con 195 milioni di biglietti venduti. Il solo vero successo del 2013 è stato il film «Neuf mois ferme» di Albert Dupontel con più di 1,3 milioni biglietti venduti L'articolo non è piaciuto alla ministra della Culturache ha denunciato.