Bley è sempre un maestro

Paul Bley sa cosa sia una casa discografica perché ne fondò una negli anni 70. Le diede il nome di Improvising Artists Inc., produsse venti album , poi lasciò perdere: disse che veniva distratto dal suo lavoro di pianista e di leader. Dopo un periodo di relativo silenzio rieccolo nella veste di solista che gli intenditori prediligono. La bellezza dei cinque brani è tale da ricordare agli immemori che Bley è uno dei maggiori maestri del jazz contemporaneo.