Box Office

In attesa di giovedì prossimo, il giorno più gettonato dai cinefili, vista l'importanza delle pellicole in uscita (ad esempio, Rogue One), il botteghino registra, per la seconda settimana consecutiva, il meritato trionfo di Sully. Il film diretto da Clint Eastwood e magnificamente interpretato da Tom Hanks, ha aggiunto altri 1.900.937 euro, arrivando ad un totale di 4.732.165 euro. Un vero successo per un lungometraggio costato 60 milioni di dollari e che ne ha già incassati 220. Si deve, così, accontentare solo del secondo posto la commedia, in salsa multietnica, Non c'è più religione, con Bisio e Gassmann, anche se a mancare, qui, non è la fede, ma la comicità. La storia del paesino cristiano che, per mantenere viva la tradizione del suo presepe vivente, chiede in prestito, per la parte di Gesù, un bimbo musulmano alla comunità tunisina presente sull'isola, non ha incantato, come era lecito aspettarsi, il pubblico, anche se 1.709.045 euro è un dato discreto, di questi tempi. Dietro Natale al Sud di Boldi (2.421.622 totali) e Animali Fantastici e Dove Trovarli (botteghino a quota 14.330.417 euro), debutta quinto Una vita da gatto 621.759 euro), simpatica commediola felina con Kevin Spacey. Dal sesto posto in poi, solo novità, ovvero il demenziale La festa prima delle Feste (con la Aniston, 487.059 euro), l'interessante Captain Fantastic (332.837 euro), il volgare sequel Babbo bastardo 2 (328.494 euro), il drammatico (in tutti i sensi) È solo la fine del mondo (308.088 euro) e, per chiudere la top ten, il buon thriller Shut In (286.887 euro).