"Breaking Bad" va al museo: sarà come un'opera d'arte

La serie con protagonista Walter White e Jesse Pinkman farà parte, dal 2018, di una mostra sulla cultura americana. Un'altra onorificenza per la produzione di AMC che ha emozionato milioni di persone

"Breaking Bad", la serie da record andata in onda in Italia con il sottotitolo "Effetti Collaterali", ora sbarca pure in un museo. Sarà proprio il protagonista Walter White (interpretato da Bryan Cranston) a portare personalmente alcuni cimili al famoso museo di Washington.

Ha fatto incetta di premi la storia prodotto dalla AMC che racconta le vicende di Walter White, un professore di chimica malato di cancro che, per non lasciare i figli e la moglie nei guai dopo la sua morte, decide di mettersi in affari illeciti e produrre, insieme a un suo ex alunno Jesse Pinkman (interpretato da Aaron Paul), metanfetamina purissima. Ecco alcuni abiti di scena dei protagonisti saranno esposti in uno dei musei più famosi al mondo, lo Smithsonian. I cimili usati nella serie, dal cappello di "Heinsenberg", soprannome dello stupefacente docente, alle tute gialle che venivano usate per proteggersi dai fumi chimici, faranno parte di una collezione completamente incentrata sulla storia americana. Tra i memorabilia andrà, addirittura, un sacco di "Crystal Meth".

Aspettate però a prenotare un viaggio a Washington, infatti, tutti i ricordi del viaggio, durato 62 episodi e che ha emozionato il pubblico mondiale per 5 stagioni, saranno esposti solo nel 2018 quando sarà allestita una nuova mostra sulla cultura americana.