Calendario Pirelli 2016: addio nudo, ecco le donne di successo

Serena Williams e Yoko Ono; Kathleen Kennedy, Yao Chen, Mellody Hobson, Fran Lebowitz, Ava Duvernay, Agnes Gund, Patti Smith, Amy Schumer, Shirin Neshat, e Tavi Gevinson: ecco le protagoniste del calendario Pirelli 2016

Serena Williams e Yoko Ono; Kathleen Kennedy, Yao Chen, Mellody Hobson, Fran Lebowitz, Ava Duvernay, Agnes Gund, Patti Smith, Amy Schumer, Shirin Neshat, e Tavi Gevinson. Ecco le protagoniste del calendario Pirelli 2016. Quest'anno The Cal rinuncia al nudo artistico e indossa il successo delle donne. Presentato alla Roundhouse di Londra, il calendario Pirelli 2016 ha un messaggio chiaro: scardinare il liet motiv di celebrare labellezza femminile nella sua carnale sensualità, cifra distintiva del calendario sin dal 1963 per dar spazio alla donna che seduce col suo successo. Alla sensualità e alle forme avevano dedicato la loro macchina fotografica artisti come Mario Testino, Steve McCurry, e Helmut Newton. Adesso si cambia. Annie Leibovitz adesso vuole dare spazio a donne che si sono distinte per passione, talento, tenacia, conquiste e vittorie nella vita come nel lavoro. "Quando Pirelli mi ha contattato - ha spiegato Leibovitz durante la presentazione - mi hanno detto che desideravano intraprendere un percorso diverso rispetto al passato. Hanno suggerito l'idea di fotografare donne che in qualche modo si sono distinte. Ci siamo trovati d'accordo e l'obiettivo successivo è stato quello di essere molto diretta. Volevo che le fotografie mostrassero le donne esattamente come sono, senza artifici".

Sono scomparse dunque le modelle dalle proporzioni perfette. Niente attrici o vergini che escono dalle acque per il prossimo anno ma la realtà e la verità della carne e delle ossa con rughe muscoli. Ed ecco dunque una carrellata di scatti in bianco e nero, coi corpi delle businesswomen che si fanno scattanti. Dodici mesi con le facce della potentissima produttrice cinematografica Kathleen Kennedy (la socia di Steven Spielberg), con Yoko Ono che nel 1981 la Leibovitz immortalò con John Lennon, con Ava DuVernay famosa filmaker, con la scrittrice Fran Lebowitz classe 1950, con Mellody Hobson donna d’affari potente presidente di Ariel Investments. L'unica vera top model presente nel calendario è Natalia Vodianova, 33 anni, delicata come una rosa: lei simboleggia la Moda, le passerelle, il lusso, l’eleganza che rappresentano la tradizione dei calendari Pirelli. Ma Natalia è anche lei l’immagine di una donna che ha scalato la vita da sola, perchè nata poverissima in uno sperduto paese della Russia, perchè si è messa a lavorare a 15 anni per trovare la strada della sua vita nella moda. Il sacrificio silenzioso porta al successo. Qualche volta al potere. È questa la donna che la Pirelli vuol vedere nel 2016.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Lun, 30/11/2015 - 14:10

nel titolo la donna è sexy se ha successo...si ma non quella della foto!!

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 30/11/2015 - 14:34

Cribbio! la sorella di Mike Tyson!!

vince50

Lun, 30/11/2015 - 17:10

La donna è sexy se sa esserlo,non è affatto necessario il successo.

giovauriem

Lun, 30/11/2015 - 17:29

ma che roba è quella in foto , credo che se si gira ci sarà la sorpresa .

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 30/11/2015 - 19:41

Ma i neanderthaliani non sono scomparsi 40.000 anni fa?

Anonimo (non verificato)

Ritratto di marapontello

marapontello

Lun, 30/11/2015 - 20:03

Basta proporci queste donne come modelli di successo. Finiamola con queste pagliacciate per distrarre e inebetire la massa. Un po' di serietà. Non vedete che il mondo sta andando a *****

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 01/12/2015 - 05:47

Conclude Stagno che "Il sacrificio silenzioso porta al successo". Ma in quale strano universo parallelo vive Stagno? Nel 99,9% dei casi (ma la percentuale è ancora troppo benevola) il sacrificio silenzioso resta solo un sacrificio silenzioso; senza riconoscimenti, né visibilità mediatica, né attestati di merito. E' il sacrificio silenzioso di milioni di persone che vivono la loro vita normale, fatta di lavoro e di affetti, senza mai avere nemmeno quel quarto d'ora di celebrità che ipotizzava Andy Warhol. Il resto sono segh...elucubrazioni mentali per intellettuali annoiati. Il risultato è questo calendario, studiato da e per radical chic, che nessuna persona normale che abbia un minimo di senso estetico si metterebbe in casa.

Kerenkeren

Mar, 01/12/2015 - 09:13

Stento a credere che la Williams possa essere sexi ,mi rIcorda le atlete della Germania dell'est che di femminile avevano solo il nome e la foto ne e' la conferma.

giovanni951

Mar, 01/12/2015 - 11:05

mai capito il senso di questo calendario; circa la foto delka williams concordo col forumista thunder...sembra la sorelka di tyson. Aggiungo che dovrebbe giocare coi maschi non con le femmine