"Distrutta per Frizzi, salterei Ballando". Ma la Rai non ferma lo show

"Non me la sento di andare in onda. Vorrei stare nel mio angolo e poter piangere", aveva dichiarato la conduttrice

Ballando con le stelle domani sera andrà regolarmente in onda. Lo ha deciso la Rai andando contro al desiderio di Milly Carlucci di sospendere lo show.

"Sinceramente non me la sento di andare in onda - aveva spiegato la conduttrice al Corriere -. In questi giorni, nelle prove, c’è un intero gruppo che soffre per un amico. Tutti lo conoscevano, e così il mio sentimento è moltiplicato da tutti, come un’onda che sbatte contro gli scogli e ti torna addosso. Se mi si chiede cosa vorrei, rispondo che vorrei stare nel mio angolo e poter piangere. Purtroppo è l’azienda che decide e io farò quello che mi chiederanno". Da viale Mazzini hanno fatto sapere che non è stata fatta una richiesta formale da parte della Carlucci. Ma anche se dovesse arrivare, Ballando andrà in onda.

L'amicizia con Fabrizio Frizzi

"La prima volta mi ha vista quando insegnavo pattinaggio nell’istituto che frequentava: durante la ricreazione questi ragazzini di 15, 16 anni si affacciavano alle finestre per vedere le mie allieve svolazzare sulla pista, con i loro costumini...", ha raccontato la conduttrice. "Me lo ha raccontato quando ci siamo incontrati in Rai, anni dopo. La nostra amicizia è nata con Scommettiamo che...?, nel 1991. Con quel programma è nata una coppia, la nostra". "Fabrizio aveva un gusto per lo scherzo unico, amava le battute, giocare...", ha ricordato la Carlucci.

"Lasciarsi è stato brutale", ha spiegato Milly Carlucci che, durante la funzione in chiesa, non è riuscita a trattenere le lacrime. "La sensazione del distacco per me è ancora troppo dolorosa, non ce la faccio. Serve tempo, anche per riuscire a sentirsi fortunati per aver avuto un amico che arricchisce così. Carlotta, sua moglie, mi ha concesso di salutarlo prima che chiudessero la bara: è stato... non so... non si riesce ad immaginare Fabrizio senza il sorriso... la sua risata, lui che quando rideva si piegava in due, proprio come in tv... faceva così, ogni volta".

Commenti

diesonne

Ven, 30/03/2018 - 19:32

DIESONNE LA RAI PENSA SOLO AL MERCATO E NON ALE PERSONE MORE E TANT AL VENERDI SANTO--TV LAICISTA NON LACA-MEGLIO LA TV DEGLI ANNI 196O-1O E OLTRE-PER INTENDERCI AI TEMPI DELLA DC ORA FA PENA

Anonimo (non verificato)

caren

Ven, 30/03/2018 - 22:49

Per diesonne: il tuo commento delle 19.32, per essere decifrato, ci vorrebbe un battaglione di interpreti super esperti in linguaggio criptico.

apostata

Sab, 31/03/2018 - 09:58

si, effettivamente sarebbe meglio fermarlo per sempre

Fjr

Sab, 31/03/2018 - 10:45

Caren,nemmeno quelli di Bletchley Park riuscirebbero a decifrarlo

apostata

Sab, 31/03/2018 - 12:02

Sono offeso dai ricordi di certi personaggi presenzialisti. È una gara a chi dice la frase più originale, a chi rivela i segreto più intimo, a chi dimostra di essergli stato più amico. Tutti parlano come se fossero immortali. C’è persino chi davanti alle telecamere finge di piangere. In realtà bisognerebbe dire che quest’uomo ha avuto una bella vita, una bella morte e andrebbe invidiato.

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Sab, 31/03/2018 - 12:59

Provo a decifrare il pensiero di diesonne in tre punti: 1- alla rai interessa solo (o prevalentemente) fare business (per cui cara Milly, the show must go on). 2- la trasmissione del venerdì santo (la via crucis per intenderci)era laicista e non laica. 3- diasonne preferisce la tv pubblica degli anni 60 a quella odierna.