IL CASOUn futuro di caste che fa impazzire milioni di teenager

La trilogia di «Divergent» prima di approdare sul grande schermo è gia diventata un caso letterario. Un vero colpaccio per la scrittrice Veronica Roth, classe 1988, che ha azzeccato il successo sin dal primo romanzo. Il primo capitolo della saga, pubblicato negli Usa nel 2011, è rimasto nella top ten dei libri più venduti per tre mesi. E assieme agli altri due capitoli della trilogia, «Insurgent» (2012) e «Allegiant» (2013) -negli Usa ha venduto milioni di copie. Uno dei maggiori successi editoriali di HarperCollins (in Italia invece è pubblicata da De Agostini), e un vero e proprio record assoluto per quanto riguarda la versione in e-book. La trama si rifà a classici della fantascienza come quelli di Philip Dick. A Chicago in un futuro imprecisato la popolazione ha trovato finalmente la pace dividendosi in fazioni, ognuna delle quali svolge un preciso ruolo nella società. La sedicenne Beatrice Prior quando però si sottopone al test che dovrebbe aiutarla a capire quale fazione scegliere, ottiene più risultati e scopre dunque di essere una Divergente. E lì iniziano i suoi guai mentre, nella società perfetta scoppia una tremenda lotta. Un plot che ricorda altri successi di sci-fi per adolescenti come «Hunger Games». E perfetto per un videgame (che forse arriverà a breve).