Chiara Ferragni nel nuovo attico con Fedez: vista mozzafiato

Chiara Ferragni e Fedez si sono trasferiti nel nuovo attico a CityLife con il figlio Leone: l'influencer condivide le immagini del terrazzo, che offre una vista mozzafiato.

La nuova casa di Chiara Ferragni e Fedez è un attico enorme con vista mozzafiato su CityLife, come mostrato da una delle influencer di Instagram più pagate al mondo attraverso una storia condivisa nelle scorse ore sul suo profilo social.

Ammirando il tramonto, la star dei social media ha infatti postato su Instagram un breve video girato con il suo smartphone che svela la vista dall'alto di cui i due possono godere, in particolare sui grattacieli costruiti da Isozaki e Hadid e sul Palazzo delle Scintille della ex Fiera. L'appartamento si trova nelle residenze Hadid, a due passi dalla vecchia abitazione del suo compagno - nelle residenze Libeskind - messa recentemente in affitto per diecimila euro al mese.

Oltre alla splendida visuale sui grattacieli, la nuova casa di una delle coppie più di tendenza in Italia dispone anche di una vasca idromassaggio sul terrazzo e di un enorme salone lussuoso con divano grigio che conta almeno dieci posti a sedere, posto davanti a una grande TV incassata nella parete. Anche Fedez aveva rivelato di recente parte degli arredi, mostrando in particolare una collezione di sculture e giochini che si trova davanti alla libreria posizionata lungo il corridoio del secondo piano e il guardaroba di Chiara, una vera e propria stanza che contiene tutte le sue scarpe e borse.

Dopo un periodo trascorso in hotel, nella lussuosa suite di Palazzo Parigi, Ferragni e Fedez hanno dunque traslocato definitivamente. La scelta di cambiare casa è stata motivata dalla necessità di avere a disposizione spazi più grandi, soprattutto adesso che è arrivato il loro primo figlio Leone.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 15/06/2018 - 18:26

se quella è una vista mozzafiato...

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Sab, 16/06/2018 - 01:47

Negli anni 60, da ragazzino ho abitato per molti anni in una casa su una rotonda sul mare, chiamata (in italiano) "gli scogli" a Chiavari (GE) Dalla mia finestra al mare c'erano si e no trenta metri, non c'era solo la vista mozzafiato del mare e del golfo del Tigullio, c'era il rumore della risacca, l'odore di salmastro , la notte un silenzio rotto solo dal lieve sciaquio delle onde che ti cullava. Non avevamo una lira ma vivevi senza ansia e la visibilità non esisteva e non valeva nulla, come ora del resto. Credo che la vista dei palazzi, l'odore dello smog e il rumore attuitito del traffico e dei clacson, pur costando una vagonata di soldi non coprano minimamente il valore di quel posto, e il ricordo indelebile e ancora vivo di quelle emozioni e di quelle senzazioni sono senza prezzo.