Cicciolina: "Io? Una parlamentare modello. E i soldi del vitalizio mi spettano"

L'ex pornostar Cicciolina, ospite a Mattino Cinque, torna a difendere il suo operato in Parlamento e il diritto a incassare il vitalizio

"Sono stata una parlamentare modello. Ho fatto ricorso perché quei soldi sono un mio diritto, non rubo niente". A parlare è Ilona Staller, in arte Cicciolina. E quei soldi a cui si riferisce sono i lauti compensi del vitalizio da ex parlamentare.

L'ex pornostar, in seguito alla decisione dell'autorità giudiziaria di pignorarle il vitalizio per le spese condominiali non saldate, sta attraversando una crisi economica. E ospite nello studio di Mattino Cinque ha spiegato come dopo il taglio degli stipendi deciso dal governo, la sua busta paga sia passata da oltre tremila euro e meno di 1.000 al mese.

Al fianco dell'ex esponente del Partito Radicale anche il suo legale, Luca Di Carlo, che si è scagliato contro il giornalista Daniele Martinelli, che si era prodigato a difendere Di Maio e il Movimento 5 Stelle accusati proprio dalla sua assistita. L'avvocato Di Carlo, così come riportato da TgCom24, ha insultato Martinelli alzando la voce, con queste parole:"Lei è un castrato, è un senza palle".

Insomma, si è passato il segno e il conduttore Francesco Vecchi ha ripreso duramente il legale di Cicciolina, facendogli abbassare anche il microfono: "Non si può permettere di venire qui e insultare gli ospiti".