La Colombari confessa: "Periodo difficile per i genitori, non ci dormo la notte"

La modella e attrice romagnola, ospite di Caterina Balivo, ha parlato del rapporto con il figlio Achille e del matrimonio con Costacurta: "Bisogna essere grati verso questa vita"

"Oggi per i ragazzi giovani ci sono troppi stimoli, è un periodo difficilissimo sia per loro, sia per noi genitori. Ci sono i social network che li circondano, hanno questa smania di essere coperti di marchi dalla testa ai piedi… Se mi faccio delle domande a riguardo? A volte non ci dormo la notte". Lo ha affermato Martina Colombari ospite di Caterina Balivo a Vieni da me.

La modella e attrice romagnola ha parlato del rapporto con il figlio Achille, nato nel 2004 dall'amore con il marito Billy Costacurta. "Nascere da genitori famosi non è semplice, lo capisco, ma ora che è più grande gli dico di farsene una ragione. E gli spiego anche che quel che sta vivendo lo deve, almeno per il momento, proprio a me e a suo papà. E che se deve andare a basket si prende il metrò. Non è sempre facile insegnare ai figli quelli che sono i valori".

"Noi mamme a volte siamo proprio molli, i figli vengono vicino e anche se fai la dura poi fai fatica a tenere - ha confessato -. I papà sono più autorevoli e rispettati, purtroppo o per fortuna, e io sto iniziando a delegare a mio marito per non essere sempre io la rompipalle di casa".

Il matrimonio con Costacurta

L'ex Miss Italia ha parlato del matrimonio con l'ex difensore del Milan, Alessandro Costacurta. "Lui mi conquista. Nel 1996 abbiamo iniziato la nostra vita insieme che tuttora va avanti. Ogni tanto bisogna essere grati verso questa vita e le persone che ci ha fatto incontrare".

La Colombari ha anche ammesso che il suo matrimonio con Billy non è sempre stato rose e fiori. "Ogni tanto la vita a due è complicata perché devi mandare giù tanti bocconi e farti andare bene tante cose - ha spiegato -. Anche dagli errori si costruisce. E io e mio marito siamo molto diversi. Io sarei sempre in giro, lui sempre a casa, io più esuberante, lui più calmo. Io sono sempre sopra le righe e a lui questa mia esuberanza a volte infastidisce visto che è sempre più pacato, dritto e rigoroso… A me verrebbe da dirgli smollati".