Il coming out di Diaco: "Vivo da due anni con Alessio"

Il conduttore radiofonico Pierluigi Diaco parla della sua vita privata e spiega: "La sessualità è un dettaglio della personalità, non una patente d’identità. Non mi sono mai chiesto se ero etero, bisessuale o che altro”

“La sessualità è un dettaglio della personalità, non una patente d’identità. Non mi sono mai chiesto se ero etero, bisessuale o che altro”. Pierluigi Diaco, alla soglia dei 40 anni, fa coming out, con un’intervista al Corriere della Sera, in cui rivela di vivere da due anni col suo compagno Alessio, a Roma, vicino al Colosseo.

Diaco, giornalista, conduttore radiofonico e autore tivù del Maurizio Costanzo Show, parla tranquillamente della sua vita privata. “Mi sveglio alle cinque. Alle sei, sono in radio. Poi, in redazione, da Maurizio Costanzo. Alle sette di sera, già ceno. Alle nove, sono a letto, se no non reggo. Prima, passo due ore con Alessio, il mio compagno. È la prima volta che ne parlo, ma – racconta - condividiamo la vita da due anni. Nel weekend, anche d’inverno, andiamo al mare in scooter. E tantissimo al cinema. Abbiamo un bassotto molto simpatico: Ugo”.

Per quanto riguarda la sua vita sessuale, Diaco, spiega: “Ho sempre condiviso serenamente le mie storie con amici e familiari. Non sono stato sereno, semmai, dentro relazioni in cui la sessualità non si univa al sentimento. Poi, quando le due cose coincidono, è un momento: lo senti, è l’amore”. Il successo professionale, invece, lo deve a Sandro Curzi che, dopo aver ricevuto un suo invito a parlare al liceo, gli offrì di visitare la redazione del Tg3. “Poi, lui andò a Tmc. Io preparai il progetto di Tmc Giovani e si fece perché, senza conoscere nessuno, scrissi alla Telecom che me lo sponsorizzò”.