COMPENSI E NODI DA SCIOGLIEREGuadagnerà meno di Lissner. Che per ora resta

Alexander Pereira non è proprio un manager low cost. Ma alla Scala verrà per un compenso inferiore del 25 per cento rispetto a quello di chi l'ha preceduto. Stephane Lissner incassa, nel complesso delle voci, intorno al milione. La decurtazione però avverrà sul compenso base: 350.000 euro. Quindi i veri conti si faranno quando si contratterà la parte variabile. È stato invece eliminato il benefit della casa a Milano.
L'incarico di Pereira parte dal 2015, ma Giuliano Pisapia, presidente del Cda Scala, ha spiegato che si prevede «la gradualità dell'impegno. Pereira incomincerà ad approfondire le situazioni che già conosce. Poi si valuterà se affiancarlo a Lissner a tempo pieno, nell'ultimo periodo». La Scala ha un budget di 116 milioni. Le risorse proprie sono pari a 73milioni di euro. Pereira a Salisburgo gestisce un budget di 60 milioni. Il 22% è denaro pubblico, per il resto: sponsor e ricavi propri.