Le confessioni di Carolina Crescentini

L'attrice romana si racconta: "So dividere il sesso dall'amore"

Carolina Crescentini, protagonista di Tempo instabile con probabili schiarite di Marco Pontecorvo al cinema da oggi 2 aprile, si confessa in una intervista a Vanity Fair. L'attrice romana, ora fidanzata, parla del passato e della sua esperienza da single: "Senza un legame divento un maschio, so dividere il sesso dall'amore. Se uno non mi emoziona, non lo rivedo più". E sulle preferenze maschili? "Mi piacciono più grandi, il che significa in genere meno turbe psichiche e qualcosa da insegnare. Quelli che amano le cose semplici. Alla bellezza ci si abitua, l’intelligenza dura. Quindi testa valida e ossa sporgenti. Il mio unico feticismo estetico? La clavicola che si vede nel triangolo della camicia aperta".

Lei ha molto successo sui social: "Mi chiedono di fotografarmi i piedi". E sullo spot hard per Martini mai andato in onda rivela: "Al provino c’erano un sacco di modelle. Mi presero, capii dopo perché. Dovevo uscire da una porta con le ciabattine ai piedi, in mezzo a loro che avevano gambe lunghissime e tacchi vertiginosi. Ed era previsto che avessi con me una valigetta piena di oggetti erotici rubati". E alla domanda se le piacciono, nel sesso, manette e altri oggetti affinim risponde: "È il momento più libero che abbiamo nella vita, e me lo vivo con gioia e passione. Non ho voglia di essere legata, bendata, il fetish non fa per me. Magari, però, domani mi prende la voglia e sperimento".