Demi Lovato choc: "Non avrei mai pensato di arrivare a 21 anni"

Demi Lovato ha fatto uso di droghe e alcol per curare la bulimia, un grave disturbo alimentare che ha colpito anche la mamma e la nonna: il passato segreto della popstar americana

Demi Lovato fa un bilancio della sua vita, raccontando il suo passato difficile in un’intervista rilasciata al magazine “American Way”.

La popstar ha deciso di aprirsi e confessare le difficoltà che ha incontrato lungo il suo percorso di giovane donna e artista. Non tutti sanno che Demi Lovato proviene da una famiglia problematica: la madre soffriva infatti di bulimia, un disturbo alimentare che si è inevitabilmente ripercosso anche sul rapporto con la figlia. “Anche se hai 2 o 3 anni, è difficile crescere se hai a fianco una persona che pesa solo 36 chili e soffre di questo disturbo” – ha raccontato la ventitreenne.

Nonostante l’insicurezza procurata dalla vicinanza con la madre, Demi Lovato non si è persa d’animo e ha cercato di combattere i complessi legati alla sua immagine, partecipando a spettacoli e concorsi di bellezza già all’età di 7 anni. Nel delicato passaggio all’adolescenza, la cantante ha poi vissuto un periodo di sconforto, durante il quale aveva l’abitudine di sfogare la sua depressione sul cibo come risposta agli ideali di bellezza irraggiungibili presentati sulle passerelle e sulle riviste di moda: “Quando stavo aumentando di peso perché stavo diventando una donna, vorrei riguardare quelle immagini e dire a me stessa: “Aspetta, non è ciò che sembro. Sto ingrassando sui fianchi e sul sedere”.

Demi Lovato ha confessato di aver fatto uso anche di alcool e cocaina per curare la sua depressione. All’età di 18 anni, forte del successo ottenuto grazie a una serie tv girata per Disney Channel, la popstar ha deciso di invertire la rotta e di recarsi in un centro di riabilitazione per uscire dal tunnel. Ora è completamente guarita e consapevole delle sue rotondità, a cui, in parte, deve la sua notorietà: “Sono molto orgogliosa del mio corpo, ma non posso fare a meno di farmi delle domande: mia nonna soffriva di bulimia, mia mamma pure e anche io, ma fortunatamente i miei figli non ne soffriranno. È un tipo di dipendenza, è ereditaria” - ha infine concluso la cantante, decisa a non commettere più gli errori del passato per il bene suo ma soprattutto dei figli di cui in futuro sarà madre.