Emily Ratajkowski nuda per il diritto all'aborto

Emily Ratajkowski non è nuova alle proteste per i diritti civili negli Stati Uniti e oggi ha scelto di spogliarsi completamente per dire "no" alla messa al bando dell'aborto nello Stato dell'Alabama, anche per i casi di stupro e incesto

Negli ultimi giorni negli Stati Uniti si parla e si discute sulla proposta di legge appena approvata nello Stato dell'Alabama, che mette fuori legge l'aborto. Le proteste contro il provvedimento sono vibranti e passano anche per le parole di numerosi volti noti dello spettacolo, che hanno condannato la scelta della governatrice dello Stato. Tra questi spicca la protesta di Emily Ratajkowski, che ha deciso di spogliarsi completamente in difesa del diritto delle donne di abortire. Non è la prima volta che la ragazza si spoglia per far valere le sue ideologie, già due anni fa protestò contro il controllo delle nascite ipotizzato da Donald Trump.

“Questa settimana, 25 anziani uomini bianchi hanno votato per abolire l'aborto in Alabama, anche in caso di incesto e violenza.” Inizia così il lungo post di protesta di Emily Ratajkowski, che poi continua: “Questi uomini al potere stanno imponendo la loro volontà sul corpo delle donne, impedendo alle donne con scarse possibilità economiche la possibilità di non riprodursi. […] È un attacco diretto ai diritti fondamentali dell'umanità per le donne degli Stati Uniti. […] I nostri corpi, la nostra scelta.

L'immagine pubblicata da Emily Ratajkowski è molto forte e mira a colpire la sensibilità dei suoi milioni di follower per smuovere le coscienze. La ragazza si è fatta ritrarre completamente nuda, con solo un giglio rosa a coprire le parti intime e il braccio a celare il seno. Guarda dritta in camera in questa foto Emily Ratajkowski, come a voler sfidare chiunque la pensasse diversamente.

La governatrice dello Stato dell'Alabama ha voluto spiegare le ragioni che hanno portato all'approvazione di questa legge attraverso un tweet molto contestato, non solo da Emily Ratajkowski: “Per i molti sostenitori di questo provvedimento questa legge serve a testimoniare in modo possente la profonda convinzione della gente dell'Alabama che ogni vita è preziosa ed è un dono sacro di Dio.”