Forte Forte Forte, la Carrà risponde alle critiche: "Io perdono i nemici"

La conduttrice convinta della bontà del suo programma. "Aggiustamenti da fare, ma un progetto moderno"

Bene le critiche costruttive, un po' meno quando "si passa agli insulti e alle offese". Perché poi "fa male". Lo dice Raffaella Carrà, che risponde così alle critiche sul suo Forte, forte forte e a chi le ha contestato il programma risponde con Wilde, dicendo che "bisogna sempre saper perdonare i propri nemici, niente li infastidisce di più".

Per Raffaella l'esperienza di conduzione è comunque positiva, ma potendo tornare indietro dice che qualche cambiamento magari lo farebbe anche. "Ci sono sempre aggiustamenti da fare, di questo sono cosciente, né io né gli autori crediamo di avere la verità in tasca. Siamo come sempre autocritici, ma fiduciosi di avere fatto un buon prodotto".

Il progetto, per la Carrà, era "modernissimo" per la rete su cui era andato in onda. Abbastanza da convincerla a tornare su Rai1 dopo sei anni. Aveva detto: "Sono pronta ad andare in pensione anche domani". Ma se alle parole seguiranno i fatti, al momento non è dato saperlo.