FuoriSerie

Arriva questo venerdì su Amazon Prime Video una serie davvero interessante. Si intitola The Looming Tower e ha fatto molto parlare di sé già al festival di Berlino. Basata, per una volta davvero in modo molto aderente, sul libro del Premio Pulitzer Lawrence Wright, The Looming Tower: Al-Qaeda and the Road to 9/11, le dieci puntate ricostruiscono gli eventi che hanno preceduto l'11 settembre 2001 gettando uno sguardo approfondito su come sia nata Al-Quaeda e come abbia raggiunto il suo ruolo di spicco tra le organizzazioni terroristiche islamiche.

Ma alla fine il cuore della narrazione è, però, il conflitto interno tra i servizi di sicurezza Usa, soprattutto Cia ed Fbi. Gli agenti americani si rivelarono, infatti, assolutamente incapaci di fare gioco di squadra nella lotta al terrorismo.

La serie, mettendo in scena fatti rigorosamente reali, sviscera le idiosincrasie di entrambe le agenzie e la loro tendenza alla menzogna e al depistaggio pur di celare informazioni vitali ai rivali (che invece avrebbero dovuto essere alleati) e prendersi i meriti dei successi (pochi).

Nell'insieme è una gran bella docu-fiction con un bell'equilibrio tra realismo e godibilità del prodotto. Quanto al cast, primeggia la stella di Jeff Daniels che interpreta John O'Neill, l'agente dell'Fbi che una volta ritiratosi dal servizio divenne il capo della sicurezza del World Trade Center e morì nell'attacco. Ma ci sono anche gli ottimi Tahar Rahim (Ali Soufan), Wrenn Schmidt (Diane Marsh) e Bill Camp (Robert Chesney).