Con Gaia Aprea una tragedia di successo

Da più di un decennio l'ormai mitica Gaia Aprea è la musa di un regista di grido come Luca De Fusco. Prima al teatro Goldoni di Venezia e adesso al teatro Mercadante di Napoli è stata l'interprete di numerosi spettacoli di successo che hanno fatto la storia del teatro italiano e non solo. Adesso, al Teatro Mercadante ci presenta un delizioso monologo tratto da uno struggente racconto del grande scrittore napoletano Giuseppe Patroni Griffi, intitolato D'estate con la barca, adattato dallo stesso De Fusco. Dove Gaia Aprea viene presentata mentre da sola rema dentro una barca, che in un sapiente gioco di luci e di videoproiezioni (a cura di un mago delle luci come Gigi Saccomandi) la fa apparire come fosse distesa sulla battigia della costa Amalfitana. Dove una coppia di ragazzi vive attraverso il corpo della protagonista come se avesse una storia parallela. Sono giovani freschi di vita e voraci di sesso che motteggiano in uno slancio sentimentale che si disperde fino a raggiungere un orizzonte gonfio di promesse. Il ritmo frenetico dei loro gesti è scandito dal ritmo possente della risacca. Purtroppo un tuffo azzardato dall'alto di una rupe trasforma il gioco dell'eterna giovinezza in una immane tragedia, nel dolore cupo e sordo della perdita. Grande prova dell'Aprea e successo vivissimo da parte del pubblico.

D'ESTATE CON LA BARCA - Napoli, Teatro Mercadante e poi in tournée.