"Game of Thrones" riparte dalla Torre di Londra

La popolare serie tv "Trono di Spade" torna in tv da metà aprile. A Londra la premiere della quinta stagione

Finisce l'attesa per i fan di Game of Thrones: i draghi sono tornati sulla Torre di Londra, dove ieri sera è stata proiettata la premiere mondiale della quinta stagione della seguitissima serie tv.

In centinaia i fanatici di questa serie fantasy si sono goduti lo spettacolo dall’alto, con il red carpet piazzato proprio nel fossato ai piedi delle torri e battuto da un vento gelido. Ad ululare alla vista di Davos Seaworth, Jamie Lannister, Margaery Tyrell, Daario Naharis, Jon Snow ed alcune altre decine del grande cast erano anche gruppi di fan in abiti medioevali. La serie andrà poi in onda in contemporanea con gli Stati Uniti ad aprile, nella notte tra il 12 e il 13 aprile e poi ogni lunedì alle 21,10 su Sky Atlantic Hd. Assenti tre dei protagonisti più amati: Emilia Clarke la biondissima Daenerys Targaryen, Lena Headey ossia Cersei Lanniit e Peter Dinklage che interpreta Tyrion Lannister.

"Il livello qualitativo e la produzione sono quelli del grande cinema", ha assicurato in occasione della prima londinese Rosabell Laurenti Sellers, l’attrice italoamericana, il cui ingresso nel cast è tra le novità più attese della quinta serie, almeno dal pubblico italiano. Rosabell che entra nella saga con il ruolo di Tyene Sand, terza Serpe delle Sabbie, determinata a vendicare l’assassinio del padre e riconosciuta in tutto il regno per la sua abilità nell’uso dei veleni ha amesso di aver visto la serie solo dopo essere stata scritturata: "Mi sono chiusa una settimana a vedere le prime quattro serie. Confesso che avevo dei pregiudizi. Poi mi sono resa conto che è fatta benissimo. Scenografie, fotografia, ambientazioni sono curate con il miglior cinema", ha detto.

Acclamato anche Kit Harington-Jon Snow: "Il segreto del successo della saga? Un bestseller di livello mondiale e un’operazione intelligente: David Benioff e D.B.Weiss, i due autori, hanno reso giustizia al libro, non hanno cercato di ripulirlo per la trasposizione tv, così ci sono dei personaggi incredibili ai quali la gente si può affezionarsi e persino identificarsi. Ognuno ha la sua storia preferita e il suo personaggio preferito e vuole che sia lui ad avere il potere".

Per sapere cosa succede però bisogerà aspettare ancora. "Ogni stagione si allontana sempre di più dal libro, ma ad un certo punto personaggi finora mai incontratisi si incroceranno per ulteriori svolte della trama", spiega Harington, "La quinta serie è la migliore, speciale, la più forte, è già successo con altre saghe, come in Breaking Bad o nei Sopranos". La prima puntata proiettata ieri in anteprima è di passaggio tra quarta e quinta stagione, si vedono alcuni dei protagonisti, come Tyrion che si è riuscito a salvare chiuso in una scatola di legno e come Snow tutto solo e triste con i potenti del nord ghiacciato.