Gemme di Anat Fort

Non si confonda Anat Fort pianista, qui al suo terzo cd per Ecm e questa volta alla testa del suo trio più Gianluigi Trovesi clarinetto, con Anat Cohen clarinettista e sassofonista. Entrambe vengono da Tel Aviv ed entrambe sono quarantenni note e bravissime. Anat Fort distilla dal suo strumento note liquide, pensose e raffinate (qualcuno le definisce «pastorali») alle quali Trovesi si avvicina o si allontana con la straordinaria perizia che gli riconosciamo da sempre. Si sono incontrati quasi per caso e con ogni evidenza hanno subito intuito la loro affinità musicale. I brani sono dodici, tutti firmati da Anat meno uno, Inner Voices, meravigliosamente e totalmente improvvisato. Da ascoltare.