George Clooney vuole smettere con la recitazione?

George Clooney sarebbe pronto a dire addio alla recitazione e ai film come protagonista per non dover invecchiare davanti alla macchina da presa

George Clooney/Reuters

Un annuncio che potrebbe gettare nello sconforto l’infinita schiera di fan del bell’attore americano: George Clooney vorrebbe chiudere con la recitazione. Una decisione legata all’età: a quanto sembra, Clooney non vuole assolutamente invecchiare davanti alla telecamera. Ma nonostante il tempo con lui sia stato clemente e prodigo di doni, aumentando l’incredibile fascino che stuzzica tutte le sue ammiratrici, il bel George pare quasi sicuro di voler lasciare la scena.

È ciò che avrebbe confessato durante una recente intervista, specificando quanto sia poco clemente e delicata la cinepresa con gli attori perché solita evidenziare difetti e cambiamenti fisici.

Secondo l’attore per tamponare al meglio l’avanzare degli anni accetta solo pellicole più in sintonia con il suo essere e con la sua età, ma che risultano in numero sempre minore. E come sottolinea lui stesso, la problematica investe in modo maggiore le attrici, a cui spesso non si perdona il naturale passaggio del tempo. La stessa Kim Cattrall, 59 anni, aveva specificato ironicamente come la data di scadenza per le donne di Hollywood si aggiri intorno ai 35 anni.

Nonostante sia protagonista dell’ultima fatica dei fratelli Coen Ave, Cesare!, Clooney sembra pronto ad appendere il copione al chiodo. Ma non quello di abbandonare l’ambiente cinematografico, dove vorrebbe proseguire e implementare il suo ruolo come regista. E mentre si gode la distribuzione e promozione dell’ultimo film, oltre che la vita casalinga con la bella Amal, l’attore cinquantaquattrenne medita sul suo futuro e su quanto potrebbe risultare più appagante osservare un film da dietro la macchina da presa.

Commenti

Giorgio Rubiu

Dom, 13/03/2016 - 16:39

Smettere di fare dei film, vuol dire, poiché, quando si tratta di RECITAZIONE, non è mai stato gran che. La notizia sarebbe stata preoccupante se fosse venuta da Hoffman, De NIro, Pacino, Eastwood, Walken, Malkovich, Dammon, Affleck, Opkins, Denzel Washington, Morgan Freeman, Helen Merrill, Merril Streep, SAndra Bullock, Sigourney Weaver, Judy Dench acc. Certamente i fans di Clooney ne sentiranno la mancanza; ma gli appassionati della recitazione se ne faranno una ragione senza soffrire troppo.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 13/03/2016 - 18:07

Sicuro vuol entrare in politica. Presidente?

Malacappa

Lun, 14/03/2016 - 13:52

Chi se ne frega,tanto non era un gran che.

Ritratto di Rames

Rames

Lun, 14/03/2016 - 17:37

Non abbiamo perso nulla, va bene con espresso what's else?Stessa cosa vale per Antonio Bandearas.Li associo in base al grado di recitazione.

Una-mattina-mi-...

Lun, 14/03/2016 - 21:07

George Clooney vuole smettere con la recitazione? SCUSATE, ma quando aveva iniziato?

vianprimerano

Lun, 14/03/2016 - 22:35

Sino ad ora non ha fatto altro che recitare, anche nella vita, la parte dell'uomo e del marito, mentre nella realta' questo individuo e' solamente un culattone a cui piaciono solo gli uomini!

Giorgio Rubiu

Mar, 15/03/2016 - 08:26

@ vanprimerano-La sua omosessualità (vera,come afferma Brad Pitt,o supposta che essa sia) è irrilevante.Qui si sta parlando di RECITAZIONE non di "fingere di essere" qualcosa di diverso dalla realtà.Se avessi un Euro per ogni OTTIMO artista omosessuale(sia attori che altro) del presente e del passato,sarei ricchissimo.Giudichiamo l'arte non la sessualità dell'artista che riguarda solo lui o lei.Michelangelo e Leonardo erano omosessuali;ma questo non toglie niente alla grandezza delle loro opere immortali.Cordialità.Giorgio