Ex vincitrice del Gf picchiata su un taxi. Condannato il suo aggressore

Thomas Jenkis è stato condannato a 8 mesi di reclusione per aver aggredito nella notte di capodanno la vincitrice del Grande Fratello Josie Gibson, autentica star nel Regno Unito

Si è conclusa con una condanna a 8 mesi la vicenda che per lungo tempo ha fatto molto discutere nel Regno Unito. Protagonista una delle più note partecipanti all'edizione inglese del Big Brother, il GF inglese.

Era la notte di capodanno del 2017 quando Josie Gibson, vincitrice dell'edizione 2010, decise di festeggiare l'arrivo del nuovo anno con un'amica in un nightclub di Bristol. Qui conosce Thomas Jenkins, un pugile dilettante. Davanti a lui, le due ragazze decidono di dare un tocco di trasgressione alla serata e iniziano a a baciarsi e a leccarsi le dita dei piedi davanti all'uomo, prima che l'amica di Josie Gibson si sieda sulle gambe, dedicando effusioni anche a lui, dopo aver bevuto qualche bicchiere insieme. Tutto questo è stato provato dalle telecamere di sicurezza all'interno del locale. Fino a questo punto, anche grazie alle immagini inequivocabili, le versioni dell'accusa e della difesa collimano. A una certa ora il trio ha deciso di spostarsi verso un altro pub con un taxi ed è a bordo della vettura che sarebbe avvenuto il misfatto.

Dalle testimonianze pare che sul taxi i tre abbiano iniziato a discutere animatamente. L'accusa imputa la lite al comportamento inopportuno di Thomas Jenkins nei confronti dell'amica di Josie Gibson. Le due ragazze, per difendersi da Thomas Jenkis, lo avrebbero ripetutamente colpito con delle scarpe e l'uomo, per proteggersi, avrebbe sferrato alcuni pugni al volto e allo sterno alle ragazze. La difesa dell'ex pugile però nega il comportamento molesto dell'uomo e accusa le ragazze di averlo aggredito per prime. Il risultato sono stati alcuni ematomi molto evidenti sul volto dell'ex vincitrice del GF, sullo sterno e sul ginocchio. La ragazza ha condiviso la sua versione dei fatti attraverso alcuni video su Instagram, mostrando i segni dell'aggressione. Il giudice in questo caso si è espresso in favore della vincitrice del Grande Fratello e ha condannato l'uomo a 8 mesi di carcere.